Cerca
Cerca
Close this search box.

UNIONI CIVILI

Legge Cirinnà – pubblicata sulla G.U. il 21 maggio 2016 n. 76 – entrata in vigore

UNIONI CIVILI

La legge Cirinnà – pubblicata sulla G.U. il 21 maggio 2016 n. 76, entrata in vigore lo scorso 5 giugno prevede che  l’unione civile attribuisce ai soggetti che la contraggono uno status pari a quello di coniuge.

Detto provvedimento legislativo,  assimilando i soggetti uniti civilmente ai coniugi uniti tramite l’istituto del matrimonio, riconosce quindi ai primi tutti i diritti previsti per i secondi, compresi – ad esempio – quelli relativi alla reversibilità delle pensioni e alla disciplina successoria ed altro.

Ciò premesso, anche per quanto concerne la previdenza complementare, tutte le prerogative che attualmente sono riconosciute al coniuge dell’iscritto, si pensi ad esempio all’anticipazione per spese sanitarie, al riscatto per premorienza o all’apertura di una posizione per il fiscalmente a carico, sono automaticamente riconosciute al soggetto che abbia stipulato con l’iscritto un’unione civile.

Condividi su

Articoli correlati

Rendimenti primo trimestre 2024

Rendimenti primo trimestre 2024

Nonostante la situazione geopolitica mondiale, nel primo trimestre del 2024 i comparti Bilanciato e Dinamico di Fondo Eurofer hanno avuto

Le tipologie di rendita al momento della pensione

Le tipologie di rendita al momento della pensione

In prossimità della pensione arriva il momento di ricevere la prestazione pensionistica complementare, nota come rendita.

Il ruolo dei fondi pensione nella previdenza

Il ruolo dei fondi pensione nella previdenza

I fondi pensione rappresentano uno strumento fondamentale per costruire il proprio futuro pensionistico.

2023 da record per i fondi pensione: i risultati rilevati da COVIP

2023 da record per i fondi pensione: i risultati rilevati da COVIP

Un approfondimento sui risultati raggiunti nel 2023: dall’aumento delle adesioni alla crescita in doppia cifra per i comparti azionari.